Stampa Approfondimento
Desiderio di Libertà

Pubblicato il 24/08/2016

Che significa essere liberi? Di quale libertà abbiamo più bisogno? Da cosa dobbiamo/vogliamo liberarci? Di questi tempi queste sono buone domande da farsi visto che, senza che molti ne siano coscienti, grosse parti della nostra libertà personale vengono erose, attaccate, depredate quotidianamente e subdolamente.
Forse conviene partire da cosa voglio intendere qui per libertà!
Innanzitutto la libertà di seguire un percorso di lavoro interiore che ci porti a crescere seguendo il nostro particolare processo evolutivo, dunque un percorso non necessariamente comprensibile, condivisibile o accettabile da tutti.
Poi la libertà di poter operare al meglio per realizzare, anche esteriormente, ciò che abbiamo scoperto appartenerci, nella ricchezza del nostro mondo interiore.
Significa dunque essere liberi di diventare gli unici re di una realtà interna ed esterna in cui possiamo sentirci “interi”. Quante volte attraversiamo la sofferenza del sentirci “frantumati”? Quante volte ci sembra che parti di noi procedano in ordine sparso e, per di più, in direzioni tutte differenti tra loro?
Essere interi significa acquisire la consapevolezza di chi siamo davvero, del motivo per cui stiamo vivendo la vita che ci è stata donata e, soprattutto, realizzare quale sia la nostra “missione” nel mondo.
Si, perché ognuno di noi ha una missione, una vocazione, un dono (il daimon o la “propria ghianda” come dice James Hillman), da far fiorire e da mettere a disposizione degli altri.
Oggi molti giovani (ma anche tantissimi vecchi, il che è ancora più grave e penoso), scambiano la libertà di essere con la libertà di avere…più soldi, più sesso, più potere, più fama (vi viene in mente qualcuno?).
Il risultato è che tutti costoro, che sognano e decantano la loro “fantastica vita”, hanno in realtà ceduto tutta la loro libertà ed unicità di Esseri Umani (e le maiuscole non sono a caso). Cosa possiamo fare per coltivare e raggiungere questo stato di libertà?
Possiamo ricordarci che siamo fatti di corpo, mente e anima e che il nostro regno sarà ricco solo se sapremo prenderci cura di tutti e tre questi aspetti.
Dunque, se è vero che non saremo interi seguendo solo i richiami della corporeità (il piacere) di certo non lo saremo nemmeno se penseremo di astrarci da questo mondo, perseguendo solo obiettivi spirituali, illusoriamente tali.
Non voltiamoci altrove quando qualcosa di terreno ci colpisce, ci indigna, ci scandalizza. Non rifugiamoci nel tempio se nella piazza del mercato qualcuno sta subendo un’ingiustizia!
Lo abbiamo già fatto troppe volte ed il risultato è sotto i nostri occhi e, purtroppo, sotto gli occhi dei nostri figli: tutto diventa sempre più falso, senza dignità, senza spessore, senza etica.
Imparare ad essere interi è l’insegnamento più grande che tutti i grandi maestri spirituali e i grandi terapeuti hanno passato all’umanità.
Un corpo senza mente e senza anima è morto ed inutile.
Una mente senza corpo e senza anima è diabolica e fonte di sofferenze inutili.
Un’anima senza corpo e senza mente non è mai nata a questo mondo.
E’ ora di diventare re e regine di un regno in cui poter essere (come diceva Miten, un mio vecchio maestro) Vivi, Interi ed Infiniti.
Nessuno lo farà per noi.
(Mario Franchi)

Per Saperne di Più

Se sei interessato all'argomento, perchè non conoscerlo più da vicino? La nostra associazione organizza ogni anno un ciclo di conferenze a tema, gratuite e con cadenza mensile. Le stesse sono aperte a tutti (associati e non), non richiedono una preventiva iscrizione e non comportano nessun vincolo per chi decide di parteciparvi.

Elenco Appuntamenti